Alimenti Che Causano Gonfiore Addominale: Cosa Evitare A Tavola

Quando si accumula eccessivo gas nel tratto digerente, il fastidioso senso di pienezza, il meteorismo, i dolori e i rumori intestinali ci mettono a disagio. A volte il problema è legato a specifiche patologie (colon infiammabile, celiachia e altre intolleranze alimentari) ma anche lo stile di vita, le fluttuazioni ormonali, fattori psicologici come ansia, stress e depressione possono essere la causa di un fastidioso gonfiore addominale.

Gonfiore addominale i cibi da evitareMasticare lentamente, bere molta acqua e svolgere regolare attività fisica possono aiutarci, ma ci sono anche reazioni dell’intestino che vengono causate dagli alimenti che ingeriamo, ecco allora quali sono i cibi da evitare (non eliminare) per combattere il gonfiore addominale.

Gonfiore addominale: i cibi da evitare

Ci sono alcuni alimenti che naturalmente predispongono al gonfiore addominale. Essi infatti provocano una fermentazione intestinale degli zuccheri e della cellulosa da parte della flora batterica maggiore rispetto ad altri cibi. Si tratta di alimenti FODMAP (Fermentabili Oligo-, Di- e Mono-saccaridi e Polioli), ovvero, tutti quelli ad alta Verdure crocifere (cavolo, broccoli, cime di rapa, senape, ravanello, rucola e rafano)capacità fermentativa. Nella lista degli alimenti al alto potere meteorizzante da assumere con moderazione ci sono:

  • Verdure crocifere (cavolo, broccoli, cime di rapa, senape, ravanello, rucola e rafano):

    • buoni e versatili, protagonisti in cucina di tantissime ricette, eppure causa di flautolenze e dolori addominali. Senza eliminarli dal menù, ma limitandone le dosi, potremmo agevolare la digestione e nello stesso tempo acquisirne i tanti benefici: vitamina K, C, calcio e azione antitumorale.
  • Legumi:

    • sono indispensabili nella nostra regolare alimentazione perché ad alto contenuto di fibre e proprietà nutritive come proteine e antiossidanti. Tuttavia ceci, lenticchie, fave, piselli e fagioli con facilità stimolano gas intestinali e flatulenza fastidiosi. Infatti, contengono gli zuccheri alfa-galattosidi che il nostro intestino non può digerire in mancanza dell’enzima. Così li manda al colon e vengono fermentati dalla flora intestinale. Per non privarcene del tutto è bene consumarne piccole porzioni (due – tre volte a settimana) così l’organismo si abituerà nel tempo, fino a che non li avrà “digeriti” definitivamente.
  • Bevande gassate e alcool:

  • Bevande gassate e alcool

    • rinunciarvi sarà senz’altro meno faticoso rispetto ai cibi che abbiamo appena elencato (es: legumi e cavoli). Le bevande gassate e tutti gli alcolici contengono anidride carbonica e una volta ingerite provocano il rilascio di questo gas, causando meteorismo ed eruttazione.

 

  • Grassi:

    • quindi dolci, insaccati e fritture. È risaputo che hanno un alto contenuto calorico e oltre a causare l’aumento di peso sono anche difficili da digerire. Questo perché la triade golosa è ricca di grassi e sale i quali, affaticando l’intestino, provocano la formazione di gas interni e gonfiore addominale.

Grassi

  • Cibi contenenti oligosaccaridi:

    • principalmente aglio, funghi, carciofi, asparagi, finocchi, cachi, anguria, mele, pere, albicocche, prugne, frumento, segale, lattosio (formaggi freschi) e fruttosio.

Infine, in linea generale bisogna dire che tutti i cibi eccessivamente lavorati sono meteorici, perché fermentano a livello intestinale e rallentano il processo digestivo. Quindi è bene non fare rinunce frustranti a tavola ma usare sempre il criterio della moderazione.

la dieta mediterraneaSeguire una dieta leggera che includa alimenti non meteorici e cibi fondamentali per la nostra salute ci permetterà di ridurre il gonfiore addominale e tutte le conseguenze dell’accumulo di gas. Vi ricordiamo inoltre che attenersi ad un’alimentazione sana, come la dieta mediterranea ad esempio, è produttivo non solo per il proprio organismo, ma anche per salvaguardare il pianeta, come vi abbiamo già detto in questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *